Smart working: VPN o VDI? Nessuno dei due, grazie

La pandemia ci fa fatto scoprire il telelavoro e lo smart working, che non sono la stesa cosa, ma entrambi richiedono un sottostante tecnologico per poterli mettere in pista.

In due mesi abbiamo dovuto subire un'accelerazione tecnologica che avremmo dovuto avere in 20 anni.

Qualcuno di noi era già pronto con soluzioni VDI o infrastrutture terminal, con i loro pro e i loro contro, ma la maggior parte non era (e non è) pronta.

Tutti gli MSP hanno fatto miracoli con le VPN, che però hanno mostrato la loro anzianità tecnologica.

Le VPN:
  • sono ballerine e spesso instabili, e questo crea problemi sia agli utenti sia agli MSP;
  • presentano problemi di sicurezza, visto che se la rete di casa è collegata in VPN, allora anche il frigorifero potenzialmente può entrare nella rete aziendale;
  • potrebbero avere problemi di performance, soprattutto con applicativi tradizionali client/server.
Non parliamo poi della complessità di chi è dovuto intervenire sui computer casalinghi per installare antivirus, VPN o applicativi aziendali.

O chi, non avendo nulla se non un tablet, ha dovuto nottetempo andare in ufficio e prendersi il desktop sotto braccio.

Per chi non è ancora pronto, o non ha trovato la soluzione definitiva, o chi vuole rivedere le scelte fatte, c’è Cameyo: una soluzione che permette agli MSP di distribuire applicazioni Windows in modo semplice e veloce su qualsiasi device, senza agenti e senza VPN, in totale sicurezza.

Se vuoi saperne di più su Cameyo e i vantaggi che può portare a te e ai tuoi clienti, compila la form e guarda il webinar On Demand dedicato!

Relatori

Claudio-Panerai

Claudio Panerai, Chief Portfolio Officer di Achab

Iscriviti subito al webinar On Demand